Corpo Mente Cuore

Manifesto per una nuova educazione

di C. Barioli e M. Bernardi

(Luni Editrice)


L’educazione non è una scienza esatta. Essa si adatta ai tempi, ai costumi, alle religioni, ai luoghi, a tutto fuorchè ai bambini. Nel corso della storia dell’uomo il bambino è sempre stato visto in modo angelico, come una rappresentazione effimera di ciò che avrebbe dovuto essere ma che non è mai stato. La compiutezza del bambino inizia solo con la maggiore età, dicono. A tutto questo si deve aggiungere la frammentazione dell’essere umano operata da Galeno prima e da Cartesio poi. L’uomo in quanto tale è stato relegato a una pratica di ispezione delle parti: la mente come sede dell’eros, il corpo come elemento fisico che deve poter essere riparato con la stessa metodologia di cura ovunque nel mondo. L’anima o cuore è divenuta oggetto di stregoni e metafisici psi-qualchecosa che ne hanno elevato, perchè ridotto a nulla, la proprietà e funzione.


Marcello Bernardi e Cesare Barioli hanno scritto questo libro a quattro mani, che diventa per la sua impotanza, il manifesto per una nuova educazione, basata sulla ri-unione del corpo, della mente e del cuore; per andare oltre le inutili parole a favore dei bambini, perchè l’uomo non dimentichi ma si riappropri e ritorni ad approfondire il punto fulcro del suo essere uomo: la certezza che l’educazione dei bambini di una nazione sia condotta correttamente secondo le “regole” non dello stato ma dell’Uomo, e che si possa ritornare a valutare il grado di cultura e di progresso di una nazione vedendola crescere per migliorare se stessa e i propri sistemi morali ed educativi, per non dimenticare che il bambino di oggi non è altro che il nostro barometro, il nostro vero maestro, e che l’adulto di domani, se viene educato nell’amore donerà amore, se cresciuto nell’odio genererà violenza, se allevato nell’indifferenza non lascerà nella Storia nulla di sè.